top of page
Cerca
  • federicobarsanti2

DOPO LA PANDEMIA (scritto nei primi mesi 2021, ancora in piena pandemia covid-19)

Se cammini e inciampi facendoti male, ci vuole un po’ di tempo prima che il cervello assorba il trauma: all’inizio suonano campanelli di allarme ad ogni passo, poi piano-piano senza che tu te ne accorga, ogni cosa torna alla normalità. Si fa per dire! Sono trascorsi sei anni da quando siamo usciti definitivamente dalla pandemia del Covid-19. Ho visto persone ammalarsi o perdere amici, familiari, conoscenti, vicini di casa, ho ascoltato racconti più o meno raccapriccianti o che lasciavano il tempo che trovavano, ho letto di tutto ed il contrario di questo tutto, offese, amore, sogni, paura, rabbia, disperazione, fiducia in un cambiamento e alla fine siamo di nuovo qua: apparteniamo alla realtà che ci circonda giusto qualche istante, dopodiché rimane solo pulviscolo, forse. La pandemia della Covid-19 è l’ennesima burla. Sai che cosa è una burla? Se cerchi sul vocabolario trovi Scherzo alle spalle di qualcuno, senza cattiva intenzione. Così fa la natura: se ne frega di ciò che è a noi caro, semplicemente si batte per vivere e sopravvivere... quindi, alla fine, non si burla di un bel niente, almeno lei!  Il nostro mondo appartiene al passaggio. Se avessimo posto un po’ di attenzione, porca miseria! Tutto invece è rimasto come prima. E meno male! Immaginate se avessimo compiuto il salto evolutivo di cui i “guru” ti turno vanno parlando con tanto di bava alla bocca. L’essere umano rimane quello che è, così come sarà per diversi millenni ancora – a meno che qualche bomba di una qualche fottuta guerra non faccia esplodere tutto: il perfetto inesperto che tenta, nella migliore delle ipotesi, di comportarsi da conoscitore e specialista (lo immagina da qualche millennio). Questione di vestiti. D’altronde, che cosa potevamo aspettarci? Gli esperti, i visionari, i filosofi, i politici, il popolo, i professori, hanno continuato a fare e dire ciò che dicevano e facevano prima, tutti riversati nelle strade del parlare e del darsi addosso, dell’aiutare e del soccorrere, della tenerezza e dell’amarezza, della paura e della comunità, del rubare e dell’approfittarsi e dello scannarsi, e via aggiungete quel che desiderate… Oggi, dopo la pandemia Covid-19, cerco ma non riesco a trovare qualche briciola di cambiamento. Aiutatemi a trovarla, una briciola dal grande evento, se potete. Non posso sentirmi deluso o amareggiato. Anzi, al contrario, vedo più chiaro dentro di me e forse chissà, anche fuori, ma tutto questo è poco rilevante, almeno per tu che leggi. Siamo rimasti quelli di prima, aspiriamo ancora alle stesse, identiche cose. E il cambiamento che andiamo dicendo di cercare non c’è e non c’è stato: rimaniamo quelli che siamo. Il nostro mondo appartiene al passaggio e noi… siamo passati. Almeno per ora.

P.S. Ambarabacciccìcoccò.


Se vuoi lasciare un commento sarà molto gradito.



219 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

NUMERI

NUMERI “Notte. Non hai sonno? Conta le pecore! 0 (zero) pecora, 1 (una) pecora, due pecore, tre pecore… Oppure… 0 farfalla, una farfalla, due farfalle, tre farfalle… Forse la farfalla addormenta prima

SUL SUCCESSO

1 Comment


sara.gabrielli.ok75
Apr 08

...purtroppo io vedo cambiamenti in negativo...alcuni sono diventati più cattivi,più egoisti e più prepotenti di prima!

Altri più ansiosi e più stressati di prima.


Like
bottom of page