DSC02642.JPG

CHI SONO

"Diventa ciò che eri per ritrovare ciò che sei"

Federico Barsanti è attore, autore e regista. Insegna Arti Sceniche a bambini, ragazzi, adulti, anche con gravi disabilità e tiene stage in Italia e all’estero. Grazie alla trentennale esperienza nella pedagogia teatrale e nel teatro, ha maturato la concezione della Strategia Poetica, un metodo pratico e spirituale, partendo dall'intuizione che ognuno di noi ospiti dentro un'infinità di personaggi.

Porta il suo spettacolo Signora Porzia nei teatri italiani ed europei. Tra i numerosi festival ha partecipato al 64° Festival dei Due Mondi di Spoleto, oltre a diverse produzioni televisive, videoclip musicali e docu-film, tra cui la più recente con il regista messicano Jesus Garces Lambert. E' anche speaker per documentari in programmi televisivi su rete nazionale.

 

La mia infanzia è stata segnata da esperienze fantastiche e tragiche. Dopo un percorso in bilico tra disastroso e illuminante con la scuola fin dalle elementari (frequento per tre anni un istituto tecnico agrario, poi lascio e ricomincio da zero per il diploma professionale per il commercio, esploro l’Università da clandestino, compio nel frattempo un lungo percorso con una prof di lettere la quale mi dimostra tutta la sua fiducia e mi spinge a scrivere); mi allontano da casa ed esploro Londra per diversi mesi; mi stabilisco in seguito a Berlino (dove lavoro e assisto in diretta alla caduta del muro); negli anni svolgo i lavori più disparati (iniziando fin dall’età di tredici anni con “la stagione” sui campi di tennis); a 23 anni vendo la mia auto e vado in solitaria negli Stati Uniti, dove lavoro in un ristorante (a Hollywood), poi mollo tutto e giro per mesi con il Greyhound Bus in largo e in lungo gli Usa, in cerca di quel me stesso che mi ero ripromesso di trovare. Tornando, dopo poco incontro il Teatro. Allievo nel percorso triennale con l’attrice-doppiatrice Raffaella Panichi, inizio la formazione artistica nel ’92 (nel ’95 Raffaella Panichi mi lascerà la Direzione Artistica della sua scuola, il Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia): il mio percorso teatrale è di ampio respiro e, tra gli anni ’90 e ’00, abbraccio la danza classica/moderna, la scherma da combattimento teatrale, l’esibizione live-rock, la maschera neutra, la voce, la maschera di commedia dell’arte, con tanti maestri e maestre di livello internazionale, per spaziare più avanti nel campo della meta-genealogia (Scuola Meta-Mundo con C. Jodorowski), nella psicoanalisi junghiana (con la Dott.ssa M.Rosa Calabrese) e nella psicoterapia Sistemico-Relazionale (con il Dott. Petacco), attraverso lunghi percorsi formativi di introspezione e di supervisione. Negli anni seguenti visito anche luoghi dove sono in atto conflitti e mi adopero per promuovere azioni artistiche per aiuto umanitario organizzando serate in beneficienza per associazioni e/o famiglie anche delle mie zone. Sono ideatore, insieme all’attrice-cantante Valentina Gianni, e autore-interprete del personaggio “Signora Porzia” con il quale tengo spettacoli in Italia ed Europa e con cui ho partecipato tra i tanti festival al 64° Festival dei Due Mondi di Spoleto. Spettacoli attualmente in tour, come attore e regista: “Ser Durante – Viaggio fonetico nell’Inferno dantesco“; “W. Szymborska,  e A. Merini: due meravigliose“;  “Arlecchino va a palazzo”, “Arlecchino e le paure“, spettacoli per bambini omaggio alla commedia dell’arte, “Lasciateci divertire – Stand up comedy fuori moda” con l’attrice e cantante Valentina Gianni; “Frydryc Jager: il fratello pestifero di Mick Jagger“, tributo divertente ai Rolling Stones. Ho collaborato e/o mi sono esibito in diverse Università italiane, tra cui l’Università di Teramo, l'Università degli Studi di Viterbo e a La Normale di Pisa, quest’ultima in occasione del tour europeo del Premio Nobel per la Poesia Wislawa Szymborska, per la quale ho letto in sua presenza durante una giornata memorabile. Mi sono aggiudicato alcuni premi nazionali ed internazionali di poesia e di regia teatrale. Tengo corsi di recitazione per bambini, ragazzi, adulti, nella mia scuola in Toscana (il Piccolo Teatro Sperimentale). Ho svolto una toccante e profonda esperienza teatrale con persone con gravi disabilità, durata 17 anni, come regista ed insegnante, per la Cooperativa Arcobaleno. Nel 2012 ho ideato la Strategia Poetica, disciplina artistica e spirituale che aiuta le persone a mantenere e sviluppare un profondo contatto con se stessi e la vita, concretizzandola in viaggi, incontri individuali, di gruppo e webinar.  Pubblicazioni-Libri: “Noi sventratori d’organi”, poesie e pensieri, per L’autoreLibriFirenze;  antologia “Dalla Torre Matilde alle vette Apuane, poeti e narratori del ‘900 in Versilia“. per MauroBaroniEditore;  “Ricette per la Felicità, Signora Porzia“, libro-guida, per PtsEdizioni, QUI ; “Per non dirlo a nessuno” romanzo, per DelosDigital, QUI  e in cartaceo QUICinquantatré vedute del Giappone“, antologia in cui è contenuto il mio racconto “Madame Hisako ritorna in Giappone”, per IdrovolanteEdizioni; La Strategia Poetica, QUI libro-manuale da poco edito per PtsEdizioni. Stampa:  servizio dedicato alla Strategia Poetica sulla rivista Terra Nuova, mensile di ecologia della mente; poesie sulla rivista internazionale “Poesia” di N. Crocetti; articoli sul mio operato di artista su tanti quotidiani nazionali.  Cinema, video-clip, cortometraggi: Docu-film “Dante: il sogno di un’Italia libera”, diretto dal regista Jesus Garces Lambert coproduzione GA&A Productions e Artline Films, con Rai Documentari e Arte GEIE e con il patrocinio gratuito della Società Dante Alighieri, prima serata Rai2;  speaker e voice over in documentari scientifici e divulgativi per TripodPhoto Productions  ,su “Geo”, Rai3; protagonista nei cortometraggi: “Dispenser”, “Ricette dell’orto di Porzia“ e “The rebels“, per SumatraVideo;  protagonista del video clip “Non sparate al giornalista” del cantautore Luca Bassanese; collaboro come doppiatore e speaker per Aida Records e Buena Onda Edizioni. Spot pubblicitari vari, tra cui con il giovane filmmaker Gioacchino Magnani. Trainer-Coaching: oltre a lavorare al servizio di tantissime persone cosiddette “comuni”, ho curato e curo la preparazione di artisti molto conosciuti a livello nazionale ed internazionale. Vivo la mia vita in semplicità, cercando di aiutare me stesso e le persone a mantenere un profondo contatto con la questa vita… che prima o poi lasceremo.